Disturbo Istrionico di Personalitá

Il disturbo istrionico di personalità è caratterizzato da emotività eccessiva e pervasiva e marcati comportamenti seduttivi volti alla ricerca di attenzioni

Il disturbo istrionico di personalità si caratterizza per un'emotività pervasiva ed eccessiva e per un comportamento molto marcato di ricerca di attenzioni, approvazione e sostegno dagli altri, mediante comportamenti celatamente o apertamente seduttivi. 

Il disturbo istrionico di personalità è presente nel 2-3% della popolazione generale e nel 10-15% della popolazione clinica.

Gli individui con disturbo istrionico di personalità si sentono a disagio o non apprezzati in situazioni in cui non sono al centro dell'attenzione per cui spesso si comportano in modo brillante, seduttivo e teatrale, cercando di attirare l'attenzione su di sé. Queste persone utilizzano l'aspetto fisico per attrarre gli altri e sono spesso molto curate, fino a essere eccessivamente vistose. L'espressione delle emozioni può essere drammatica e superficiale, tanto che spesso l'istrionico risulta non autentico. Chi soffre di disturbo istrionico di personalità è particolarmente influenzabile e suggestionabile, per questo può uniformarsi all'opinione e allo stato d'animo dell'altro. Queste persone, inoltre, possono essere intolleranti alla frustrazione ed esposte alla noia, per cui possono ricercare gratificazioni immediate dei propri bisogni (es. abbandonare un progetto, dopo un iniziale grande entusiasmo, perché faticoso) e stimolazioni notevoli (es. ricercare attività nuove ed eccitanti come il sesso promiscuo, trascurare un rapporto duraturo e ricercare l'eccitazione in una nuova relazione). L'attenzione sull'approvazione altrui piuttosto che sui propri vissuti comporta la tendenza a considerare se stessi solo in funzione degli altri. Le persone con disturbo istrionico di personalità hanno una marcata dipendenza affettiva, ma in realtà presentando difficoltà a raggiungere una vera intimità con gli altri.

Una delle teorie eziologiche più accreditate prevede due possibili cause del disturbo istrionico di personalità: biologica e psicosociale. Dal punto di vista biologico, le persone che soffrono di questo disturbo presenterebbero un temperamento caratterizzato da ipersensibilità, intolleranza alle frustrazioni e ricerca esterna di gratificazioni. Sul piano psicosociale, le persone che hanno sviluppato il disturbo istrionico di personalità spesso hanno sperimentato durante l'infanzia difficoltà nella soddisfazione dei loro legittimi bisogni di attenzione e cure. Alcune di queste persone sono state apprezzate dalle figure significative, in particolare dai genitori, per il loro aspetto piacevole e per le loro doti di intrattenitori, piuttosto che per il loro modo di essere, per cui hanno imparato che, per soddisfare i propri bisogni affettivi, bisogna utilizzare l'aspetto fisico e la seduttività. Altre persone con queste disturbo hanno ricevuto da bambini attenzioni e cure solo quando ammalati, per cui hanno imparato a ricercare accudimento solo attraverso le lamentele fisiche.

Terapia del disturbo istrionico di personalità

Il trattamento cognitivo comportamentale per il disturbo istrionico di personalità prevede sia una modifica del comportamento interpersonale sia un cambiamento dello stile di pensiero: da globale e fondato su impressioni a un pensiero sistematico e focalizzato sui problemi. L'obiettivo del lavoro sullo stile interpersonale è, invece, quello di cambiare la convinzione che la perdita sia una cosa disastrosa: imparare a essere rifiutati senza per questo sentirsi distrutti. Il trattamento non mira a "spegnere " la vivacità che caratterizza l'istrionico, quanto piuttosto a insegnare a usare le emozioni in modo più costruttivo. Gli aspetti su cui si focalizza il trattamento riguardano soprattutto lo sviluppo della tolleranza alla frustrazione, la riduzione delle manifestazioni di comportamenti teatrali e drammatici, la riduzione di pensieri catastrofici rispetto a una possibile disapprovazione o perdita di attenzione; l'obiettivo è spostare l'attenzione dal sé alle circostanze mutevoli.

Per un sottotipo di pazienti con disturbo istrionico di personalità si è rivelato efficace anche un intervento comportamentale integrabile con la terapia di Beck e Freeman: un training per le abilità sociali volto, in particolare, alla modulazione delle emozioni e dei comportamenti impulsivi e allo sviluppo dell'empatia (attraverso la focalizzazione sulle emozioni e sui bisogni altrui).

Schema-focused therapy

La schema-focused therapy di Jeffrey Young è un trattamento che integra l'approccio cognitivo comportamentale con approcci basati sulle relazioni oggettuali e sulla Gestalt. Secondo quest'approccio, nel paziente con disturbo istrionico di personalità sarebbero attivi gli schemi disfunzionali "deprivazione emotiva" (credenza secondo la quale le altre persone non forniranno l'appoggio emotivo di cui la persona necessita), "imperfezione" (credenza di essere imperfetti, inadeguati e sgradevoli o inferiori agli altri) e "ricerca di approvazione" (credenza secondo la quale si deve sempre cercare di essere accettati, a spese del reale senso di sé). Obiettivo centrale di questo tipo di terapia è l'individuazione e la modificazione di tali schemi, attraverso strategie cognitive, relazionali, esperienziali e comportamentali (es. ristrutturazione cognitiva, esperienze emotive correttive, confronto empatico, esercizi immaginativi, compiti a casa).

Se hai bisogno di aiuto o un tuo familiare o amico ha bisogno di un consulto CONTATTAMI